Ciad
Costruzione di un centro sanitario
CENTRO SANITARIO PER FAMIGLIE IN CIAD
2022
Responsabile:
P. Marco Vailati, missionario comboniano
Contributo richiesto:
€ 76.000,00
Contributo raccolto:
€ 37.650,00
49.54%

Donazione libera

Importo personalizzato

Informazioni personali

Desideri usufruire delle detrazioni fiscali?
Desideri rimanere anonimo?

Totale Donazione: 1,00€

Oppure fai una donazione via bonifico o conto corrente postale.

BANCA POPOLARE (BPM):

BANCA POPOLARE
FONDAZIONE NIGRIZIA ONLUS
IBAN: IT 23 M 05034 11715 0000000 12639
BIC: BAPPIT21015
CONTO CORRENTE POSTALE:

FONDAZIONE NIGRIZIA ONLUS
NUMERO DI CONTO: 7452142
IBAN: IT 87 V 07601 11700 000007452142
BIC: BPPIITRRXXX

(PROG.N.AF149)
Kilwiti (12 km²) è una zona della città di N Djamena, capitale del Ciad, situata esattamente nel 7° arrondissement (circoscrizione). È un quartiere sorto da pochi anni e destinato a espandersi molto, ma è senza alcuna struttura né infrastruttura. Le famiglie che vi abitano sono famiglie cristiane, originarie del sud, che abitavano prima in centro-città e che qui hanno potuto comperare un piccolo pezzo di terra su cui costruire. Vivono molto povere in casette costruite in mattoni di terracotta e coperte di lamiere. La temperatura ambiente è solitamente molto alta, fino a raggiungere facilmente i 40 gradi.

Le mamme mantengono i loro figli con il piccolo commercio, quello praticato sulla strada. Mentre gli uomini, operai poco qualificati, vivono di lavori precari. Molti sono i giovani che arrivano dalle province interne del Ciad in cerca di lavoro e fortuna. Il che fa di Kilwiti un quartiere multietnico e multiculturale. Tra i nuovi arrivati anche tante giovani ragazze in età scolare che dal sud risalgono verso la capitale in cerca di un lavoro. E che spesso si ritrovano a servizio in condizioni miserevoli, in famiglie di religione musulmana.

L’accesso alla salute è offerto dagli ospedali pubblici, ma la mancanza di personale preparato e la cattiva gestione rendono i servizi che erogano insufficienti a rispondere positivamente ai bisogni della popolazione. Kilwiti non ha al momento accesso né all’acqua né alla corrente elettrica. Non ci sono fogne, come non ci sono canali di scolo e di scarico delle acque reflue. Questa mancanza di igiene è fonte di tante malattie. Non esiste un centro di salute per accogliere e curare i bambini i cui genitori hanno avuto a che fare con il Covid-19. E la mancanza di un centro di salute (detto anche dispensario) crea tanti problemi. Se un bambino di Kilwiti si ammala, deve percorrere a piedi o in mototaxi 5 o 6 km per raggiungere un centro di primo soccorso. 

Con la creazione di questo centro sanitario ci è possibile sopperire, in parte almeno, alla mancanza di strutture sanitarie. Il centro sanitario sarà gestito dai responsabili della zona pastorale attraverso la commissione della pastorale della salute emanazione del Consiglio pastorale.
L obbiettivo generale del centro di salute è assicurare l assistenza sanitaria a quei bambini rimasti orfani o molto impoveriti per via dei genitori vittime del coronavirus, garantendo loro il pieno sviluppo umano. Il Centro avrà due sale di consultazione, una sala di cura, una sala di conservazione dei vaccini, una sala di osservazione e una farmacia.

Il costo totale della costruzione è di 50milioni di franchi Cfa (la moneta locale) corrispondenti a 76 mila euro circa (49.818.280 f Cfa equivalenti a € 75.947,47 ).

Condividi progetto