Per dare speranza a chi è stato privato di tutto.
Emergenza “migranti” a Kosti - Sudan
Non sappiamo quanto potrà durare questa situazione di emergenza umanitaria, ma intendiamo dare subito una risposta concreta di solidarietà.

In questi giorni ci è pervenuta dalla parrocchia “San Paolo” di Kosti, tramite padre Angelo Giorgetti, provinciale dei Missionari Comboniani in Sudan, un’urgente richiesta di aiuto per far fronte ad una grave emergenza che coinvolge oltre 3.500 persone raccolte in condizioni di assoluta precarietà e indigenza, in un campo allestito nei pressi della stazione ferroviaria della città di Kosti. La città si trova verso il confine con il Sud Sudan dove sono diretti i 3.500 “migranti” trattenuti a Kosti da oltre un anno a causa di “una complessa situazione politica”.

La richiesta di aiuto riguarda in particolare l’acquisto di coperte, almeno per le donne e i bambini del campo, e la fornitura di generi di prima necessità.

Ci siamo quindi mobilitati come Fondazione Nigrizia Onlus per cercare di alleviare le sofferenze che questi “migranti” sono costretti a subire nella loro indefinita permanenza in abitazioni fatte di stracci e teli di nylon, prive dei necessari servizi igienicosanitari.

Facciamo ora appello a quanti hanno la possibilità e desiderano partecipare assieme a noi in questa urgente iniziativa umanitaria di solidarietà, a fianco dei Missionari Comboniani in Sudan.